b8b5d0bcca2d423088149f9ee6395cbc.jpg
8ae0657bca713eddcffd08ff1e898886.jpg
Casa della forza - IRAN SHEEDEE TRAVEL AGENCY

L'introduzione

" pensare bene,  parlare bene ,agire bene ". Questa bella formula, d'origine zoroastriana, fungeva da base all'istruzione dei giovani iraniani ed alla costruzione di una vita arricchita dallo sforzo ed il rispetto di un'etica molto umana. Il corpo in modo salubre sviluppato da esercizi adeguati diventava atto a difendere il suolo nazionale ed ergersi contro l'aggressore.

Una delle sopravvivenze più curiose e più interessanti dell'Iran antico è la frequentazione degli zour khaneh (casa della forza). Lo sport tradizionale dell'Iran, bâstâni (antico), che si svolge nello zur khaneh, è entrato nei costumi per aguerrire il corpo e prepararlo alla lotta. La gente che vi si trovava, coltivava il loro spirito nello stesso tempo che essi esercitavano la loro forza ed il loro indirizzo. Io zour khaneh si profilò nel corso dei secoli come una scuola d'apprendistato perfetta per la vita e svolse un ruolo di conservazione dei valori morali e mistici.

Cosi come la lingua e la letteratura persiana,come la miniatura, come le bellezze di Isfahan e di Persepoli, lo zour khaneh è significativo di uno stato di spirito e di una civilizzazione. Fra gli sport attuali, lo zour khaneh ha un posto di scelta e non cessa mai di affermare la sua vitalità e permette agli iraniani di conservare le tradizioni cavalleresche dei loro antenati. Tiene insieme allo sport, all'esperienza religiosa, alla letteratura e al teatro.

Persuaso dell'originalità innegabile dello zour khaneh, della propria importanza e della propria efficacia, vi si presta attualmente un'attenzione particolare. Al giorno d'oggi,gli zour khaneh attirano ancora molti entusiasti che appartengono a tutti i ceti della società.

L'origine dello zour khaneh

La necessità della difesa, o dell'attacco, obbligava i nostri antenati a praticare gli esercizi fisici in modo continuo e vitale. Così fu creato uno sport con strumenti e accessori, copiati dall’attrezzatura del guerriero ed adeguati allo spazio ristretto dello zour khaneh per trascinare i giovani alle prestazioni.

"i giovani persiani imparano l'equitazione ed il tiro e sono duramente trascinati alla forza ed alla durata", notava Herodote. Per Ferdousi (940-1020), il più grande poeta epico della Persia, sappiamo che Ardeshir І (224-241), il fondatore della dinastia dei sassanidi (224-642), costrinse tutti i suoi sudditi a praticare lo zour khaneh e le arti del pahlavan (atleta-cavaliere).

L’ Ayyari ed il marefat : il bene ed il bello

Nel 7° secolo, l'invasione araba costrinse l'Iran a raggruppare le sue forze. Gli Arabi misero la museruola ad ogni forma di patriottismo ma una cavalleria,l’ayyari, si costituì rapidamente e poco a poco si riorganizzò in movimento politico e trovò le norme che aveva promulgato fin dalla sua fondazione sotto i Parti (250 a.C.-224 d.C). l’ayyari prese secondo le epoche diversi aspetti di cui il primo ci è attestato dal libro dei re di Ferdousi.

L’ayyar per il poeta furono Rostam partente solo alla ricerca dei suoi figli in terra ostile, o Guive che va nel covo dell'avversario per trovare la traccia del principe persiano rapido. Queste crociate isolate punteggiate da atti eroici sono tipiche della cavalleria così come la prevedeva Ferdousi. Rostam l'eroe favoloso, continua a vivere nell'immaginazione e nel cuore degli iraniani. Tali furono Achille dei greci,il Sigfrido dei tedeschi,il Rolando dei francesi, veri ritratti d'eroi nazionali.

Nella cronaca di Qabus Nameh, scritto nel 10° secolo, si trova un'altra spiegazione dell’ayyari: "..." È riconosciuto ayyar quello che possiede le qualità necessarie: coraggio e virilità, cancellazione degli interessi personali a beneficio di quelli della Comunità, senso dell'amicizia e della classe, purezza e misericordia, pensare giusto e parlare diritto, riconoscimento verso l'ospite che ha messo dinanzi a lui la tovaglia del pane e del sale (un proverbio persiano dice: non bisogna tradire quello dove si è mangiato il pane ed il sale).L’ayyar non è scavalcato dai colpi di fortuna. L'analisi approfondita del corso del mondo deve prodigargli un insegnamento proficuo "." Il moralista riassume la sua opinione in una formula "saggezza, rettitudine, forza armoniosa". Tutti quest'atti nobili che dovevano essere uniti alla forza fisica e che erano correnti negli zour khaneh si chiamano "marefat".              

Gli ayyar, rapidi ad intuire i pericoli  per la pace del loro paese ed agguerriti a tutti gli esercizi marziali,intrapresero nel 10° secolo le armi contro gli Arabi e gettarono le basi dell'egemonia nazionale. Allora, delle confraternità cavalleresche si costituirono e formarono una catena che, circondando tutto l’altopiano iraniano, arrivava con le sue ramificazioni al cuore di Bagdad. La loro azione si tradusse inizialmente con la loro fedeltà allo chiismo, quindi fino al ritorno delle persecuzioni armate.

L'influenza di questa cavalleria fu non soltanto in questo raggruppamento delle forze ma anche per la salvaguardia delle tradizioni nazionali e per la propagazione della fede sciita quando i sovrani del paese cercavano di propagare la dottrina sunnite. lo zour khaneh diventò allora un luogo di riunione per gli oppositori ai regimi sunniti. È per questa stessa ragione che lo zour khaneh fu vietato ed i Persiani lo praticavano di nascosto. Protesta virulenta contro l'egemonia araba, lo chiismo diventò la bandiera del patriottismo teocratico persiano i cui ayyar garantirono il trionfo. Il massimo spendore dello zour khaneh fu raggiunto sotto la dinastia safavide quando lo sciismo diventò religione di Stato.

Malmenato da disordini successivi, l’ayyari subisce un declino sensibile ma recuperò le sue forze sotto l'autorità dello Ilkhanidi (1265-1353), i successori di Genghis Khan. Nello zour khaneh, nuovamente, si forgiavano uomini muscolari capaci di prendere le armi. Allora, la cavalleria si codificò con trattati che ne formulavano le regole.

Essendo di un grande aiuto per le vittime della crudeltà e delle estorsioni mongole, i cavalieri nonostante un'oppressione dura si ribellarono ed instaurarono il movimento dei Sarbedaran (1337-1381), gli impiccati. Sarbedaran si sacrificava per salvare gli altri.

Shateri: i piedi alati

Le scuole di shater ispirano l'istituzione dello zour khaneh tanto quanto i principi dell’ayyari o del pahlavan. Da sempre la professione di shater (messaggero) fu circondata della considerazione generale. Gli adolescenti, che avevano i talenti richiesti per diventare shater, erano trascinati da capi-messaggeri esperti che appartenevano anche alle associazioni di ayyar e facevano dei loro allievi prodi aguerriti. L'apprendistato dei messaggeri era coronato da una cerimonia solennizzata dalla presenza dello shah.

Da circa un secolo che lo shater è scomparso dall'Iran. Accompagnavano i singoli viaggiatori,le carovane di commercianti e di pellegrini e li proteggevano contro i pericoli dei grandi cammini e dalle imboscate dei briganti. Garantiti da un codice d'onore cavalleresco, i messaggeri rischiavano la loro vita per aiutare le persone in pericolo. Sono stati sostituiti con i mezzi moderni di sicurezza ma conservano però un grande riconoscimento nei ricordi.

Il sufismo

Se la cupola degli zour khaneh si ispira alle cupole dei monasteri dei dervisci, non è un caso. La sistemazione interna del ginnasio evoca la sala di riunioni dei sufi. Qui come là, si trova un’arena dove predomina un pulpito.

Gli esercizi dello zour khaneh si svolgono in un pozzo spesso ottogonale di un metro di profondità circa. Occorre vedere la messa in pratica di alcuni dervisci, che vivono in una umilità completa, coricandosi al suolo per non dimenticare le origini modeste dell'uomo e la fragile pazzia degli onori. Fin dall'inizio dell'egemonia araba, gli iraniani si prepararono alla guerra in questo pozzo che ricordava loro le ultime residenze degli sciiti santi. Si nota che il suolo del pozzo era precedentemente coperto di sabbia, ma oggo è cementato.  

Nelle epoche dure della sovranità straniera, l'evocazione dei nomi di Mohammad, di Ali ed i suo descendenti, che accompagnavano gli esercizi degli atleti, erano altrettanti grida di speranza per un futuro migliore, poiché l'adesione allo chiismo fu per l'Iran uno degli arcani della sua personalità. Vivendo la loro religione, era loro impensabile consegnarsi all'esercizio fisico senza dargli un senso devoto, materialmente garantito dalla forma dello zour khaneh e dalla presenza del pulpito, ed illustrato dalla obbedienza ai precetti sciiti.

La via mistica è caratterizzata da tappe successive che vanno dalla ricerca fino alla distruzione nell'amore divino. Gli entusiasti dello sport antico passano per gradi e conoscono un lungo apprendistato.

La gerarchia negli zour khaneh

La gerarchia negli zour khaneh è basata sull'anzianità dell'atleta ed il suo compimento. Il discepolo dello zour khaneh, quando comincia questo sport è nouceh (principiante). Alla fine di questo periodo, il nouceh diventerà nou khasteh (adolescente) ed usufruirà già di una certa considerazione fra gli atleti. Mantenendosi nei suoi sforzi per ottenere il controllo di sé, il giovane uomo sarà educato alla fila di khod sakhteh, quello che è stato realizzato e che è stato ora fra gli uomini coraggiosi e generosi. Khod sakhteh compiuto è il pishkesvat (pioniere, in generale quello che è più vecchio e che ha più esperienza), secondo nella gerarchia del ginnasio. Il pahlavan (parola che vuole dire valoroso), primo nella gerarchia, è quello che insegna i principianti e che guida gli adolescenti.

 L'entrata di khod sakhteh, del pishkesvat e del pahlavan è salutata da un battito di tamburo ed un tintinnio di campana, quindi morshed chiede all'assistenza di manifestare il suo rispetto nei confronti dell'eroe salmaniando la formula dedicata che si chiama "salavat": "possa la misericordia divina estendersi su Maometto e tutta la sua discendenza!" È per questo che portano anche il titolo di salavati o anche "capo della campana e capo del tamburo".

 I pahlavan, all'unanimità adorati dalle folle, prendono il titolo del jahan pahlavan, cioè "campione del mondo". Tutti coloro che sono stati alzati a questa gloria sono altrettanti simboli della virtuosità atletico unita all'espansione etica.

Le leggi di cortesia

 - "avete il primo posto, in verità".

 - "ma, sono soltanto polvere nei confronti dei vostri meriti".

 - "lo attesto, dinanzi a Dio, voi siete il nostro padrone in tutto".

 I due pishkesvat che scambiano questi segni di rispetto possono tuttavia l’uno e l'altro pretendere al posto di capo del gioco, quello che si tiene in mezzo al pozzo dove gli atleti formano cerchio attorno a lui. La cortesia la regola più sottile le usanze e le relazioni dei ginnasti,  riflettono le forme convenzionali delle relazioni cerimoniose dell’Iran.

 Un'altra abitudine ben stabilita è quella del golrizan, la spedizione di fiori che segna qualche evento di scelta: una lotta tra due campioni,rafforzando dei legami d'amicizia tra due atleti, il rinnovo della fedeltà di un giovane verso il suo maggiore e la sovvenzione dei ginnasti ai poveri.

 La rotazione e la vibrazione

Braccia tese in orizzontale, colui che gira prende appoggio su un piede e gira su sé stesso servendosi dell’altro piede che fa funzione d'elica. Continua fino all'esaurimento e ad una tale velocità che si vede soltanto una sihouette. A sua volta i partecipanti vengono in mezzo al pozzo e ruotano su loro stessi come i dervisci nelle loro assemblee. Morshed lodando gli eroi mitici, imprime al tamburo il ritmo specifico per la rotazione. Quest'esercizio è praticato per conservare l'equilibrio del corpo.

 Il veterano termina la sua rotazione battendo piedi. Le vibrazioni sono le stesse di quelle con le quali i sufi traducono la loro esaltazione appassionata. Questa trepidazione ripetuta faceva parte, nelle vecchie scuole, degli esercizi per la formazione dei corrieri che viaggiavano a piedi.

La lotta

 "O giovane uomo, ben fatto, agli artigli acuti,

" Tu ti prepari alla guerra facendo la lotta ".

" Questa formula è pronunciata prima della lotta che gli iraniani apprezzavano in sommo grado. Gli uomini coraggiosi entravano e cominciavano le loro gare. Se i due campioni rimanessero in gara dopo questi primi combattimenti, la lotta in ultima analisi decideva la vittoria.

La lotta è lo sport nazionale iraniano ed il suo insegnamento risale ad un passato lontano. Si praticava all'origine nello zour khaneh.

 I comandanti principali degli eserciti ed i generali più apprezzati mettevano periodicamente in gioco le loro categorie ed i loro titoli prendendo parte a questi tornei. La lotta a mani nude ha sempre avuto notevole considerazione nei persiani.

Lo svolgimento dell'esercizio

   

Gli strumenti utilizzati nello zour khaneh sono il mil.

 Per cominciare l'addestramento, il veterano salta nel pozzo ed i suoi discepoli lo seguono. Si mettono in cerchio il cui centro è occupato dal veterano che si chiama qui, miandar. Il miandar che conduce il gioco del mezzo del pozzo propone a ciascuno dei suoi camerati di sostituirlo, ma generalmente si declina.

Durante gli esercizi l'ordine e la solennità sono di rigore. I gesti precisi di ogni esercizio sono effettuati da tutti nello stesso ordine ed allo stesso ritmo. Tutto ciò è sempre accompagnato dal rotolamento regolare del tamburo, dal tintinnio di campana e dalla declamazione diversi epici e mistici.

 A volte alla fine degli esercizi, gli atleti si ammassano reciprocamente. Dopo il massaggio, fanno la loro preghiera e metteranno i loro vestiti ordinari ed ad uno lasciano il pozzo con lo stesso protocollo che ha segnato l'arrivo ed il morshed recita dei versi mistici.

Osservazione:

 In tutte le grandi città, ci sono case della forza. Nel corso del viaggio, i turisti hanno sempre l'occasione di visitarne. Non lasciate l'Iran senza visitarne!!!