b8b5d0bcca2d423088149f9ee6395cbc.jpg
8ae0657bca713eddcffd08ff1e898886.jpg
città

Ciro il Grande (550-529 a. C.) il settimo re della dinastia Achemenide (550-330 a.C), fondò Pasargade, la prima capitale dei sovrani achemenidi. Secondo la tradizione, Ciro avrebbe scelto questo posto per costruire la sua capitale perché era il luogo della sua vittoria nel 550 a.C. contro l'ultimo re della dinastia dei Medi (708-550 a.C). Questa battaglia decisiva segnò l'inizio degli anni di conquista che portarono alla formazione dell'impero achemenide.

Da quel momento, Pasargade diventò la sede imperiale della dinastia achemenide e vi rimase sotto il regno di Ciro e di suo figlio Cambise II (530-522 a.C). Con la morte di Cambise e l'arrivo al potere nel 522 a.C. di Dario il Grande (522-486 a.C), Pasargade fu relegata in secondo ordine e Persepoli la sostituì, poiché era diventato ovvio che la dinastia sovrana di un impero mondiale doveva essere posta  in un ruolo più grandioso e più ricco di quello che Pasargade poteva offrire.

Nonostante questo cambiamento radicale della sua vocazione, Pasargade continuò a prosperare, non soltanto come santuario dedicato al fondatore dell'impero, ma anche come importante centro religioso e militare. Servì anche nelle cerimonie di incoronazione dei re achemenidi. Ciro arrivò ad unificare l’altopiano iraniano e stabilire il primo grande impero dell’Iran che ebbe il suo massimo splendore sotto il regno di Dario, estendendosi della valle dell’Indus alla Grecia, dall'Asia centrale all'Africa del nord-est. Le rovine di Pasargade, meno ben mantenute che quelli di Persepoli, si trovano ad 80 km a nord di Persepoli. Passargade è classificato dall'Unesco e vi si trovano i seguenti monumenti:

La tomba di Ciro

Il palazzo privato

Il palazzo dell’Udienza

La tomba di Cambise

Il palazzo dell'uomo alato

La Cittadella

Gli altari del fuoco

Il caravanserraglio