b8b5d0bcca2d423088149f9ee6395cbc.jpg
8ae0657bca713eddcffd08ff1e898886.jpg
città

Ahvaz è il capoluogo di regione del khuzestan. La pianura del khuzestan, con un'altitudine di un centinaio di metri, è la più vasta dimensione di terra bassa in Iran ed è un'estensione della pianura mesopotamia. La sua frontiera viene ad appoggiarsi sulle Chatt-el-Arab che forma l’incontro del Tigre e dell'Eufrate. Oggi, la principale ricchezza della regione è il petrolio, scoperto qui nel 1908.

La popolazione del khuzestancomprende una forte presenza di Arabi, è per questo che gli avevano dato il nome di Arabistan la cui autorità era rappresentata dalle tribù beduine che avevano fondato un emirato. Ma l'arrivo di Reza Shah nel 1924 segnò la fine dell'emirato e la personalizzazione della regione cominciò, ed Arabistan fu rinominato khuzestan.

Di tutte le regioni iraniane, khuzestansoffrì più per la guerra Iran-Iraq. Alcune città della regione furono quasi interamente rasate, cosa che obbligò gli abitanti a raggiungere le città situate lontano dalla frontiera e ricominciare una nuova vita. Le città del khuzestan, soprattutto, furono ricostruite dopo la fine dei combattimenti ma alcuni profughi, dopo aver passato decine di anni nelle altre regioni, non hanno più voglia di tornare nella loro città natale.

Ahvaz è situata sul bordo del karun, l’unico fiume navigabile dell'Iran. Ha un clima surriscaldato la maggior parte dell'anno. Ahvaz è una città industriale che deve la sua prosperità al petrolio. Distrutta soprattutto dai bombardamenti iracheni, fu ricostruita successivamente. Ahvaz non ha monumenti particolarmente interessanti, ma rimane una buona base per visitare Shushtar, Cioqa Zanbil, Haft Tappeh e Susa (110 km).